Seleziona una pagina

Per un paziente indipendente

da | Lug 1, 2017 | re-post

“Così come conflitti di interesse non gestiti da parte dei professionisti sanitari possono indurre a comportamenti e pratiche che intaccano la fiducia dei cittadini nel sistema pubblico di tutela della salute, altrettanto può verificarsi nei confronti di associazioni che non prendano in seria considerazione le possibili ricadute di scelte che possono mettere a rischio la bontà degli obiettivi per le quali sono state costituite.”

Le questioni inerenti la gestione dei possibili conflitti di interesse relativi alle associazioni di pazienti e familiari di malati sono ancora poco discusse nella letteratura medico scientifica. È la problematica con cui fa i conti Chiara Rivoiro, dell’Università di Torino e progetto Illuminiamo la salute, nell’approfondire e allargare ai differenti attori in gioco una riflessione sulla credibilità delle associazioni di malati.

Il contributo della studiosa, “Il conflitto di interesse e le associazioni di pazienti”, si trova su Forward  – progetto che indaga ciò che accade nell’ambito del settore sanitario (promosso da Il Pensiero Scientifico Editore con il supporto scientifico del Dipartimento di Epidemiologia della Regione Lazio)

&

Qui l’articolo completo su Forward:
Per un paziente indipendente

Share This